Le 9 Apps indispensabili quando ti trasferisci a Londra

 

Ebbene sì, resistere ai ritmi frenetici di Londra si può.
Specialmente con queste apps (e un All You Can Eat Data plan).


Se c’e una cosa che davvero non comprendo sono quelle persone che dicono che il Wi-fi dovrebbe far parte della gerarchia delle necessità ed essere inserito nella famosa piramide di Maslow come uno dei bisogni imprescindibili dell’umanità

“Hey Amico, non sto dicendo che cibo e acqua non sono fantastici, lo sono eccome!
Dico solo che non c’e paragone con il Wi-fi, e’ cosi rassicurante quando ce l’hai, no?"

Il motivo principale per cui non comprendo tutto questo chiacchiericcio è perché non capisco come mai dobbiamo accontentarci di una connessione limitata nel tempo e nello spazio quando possiamo avere un accesso al Dio Web illimitato?

Per fortuna per quelle come me Three UK ha inventato il santo All You Can Eat Data - ovvero saziati di internet in abbondanza AKA la vita è troppo breve per finire i giga bite.

Eccomi qui, se state cercando qualcuno che dipenda in ogni sua azione da una connessione internet l’avete trovata (e come me credo 3/4 della popolazione del first world).
Dalla mattina alla sera vivo in simbiosi con il mio smartphone, le apps sono le mie fidate consigliere e mi affido solo ed unicamente al mio dio Google.

Così stamattina è successo ciò che non dovrebbe mai succedere prima del primo caffè, il mio iPhone mi segnalava che il mio spazio memoria era quasi completo: Storage Almost Full.

Ho deciso così di passare in rassegna le mie adorate app per snellire un pò di spazio  e mentre le aprivo una ad una, scrutandole e analizzandole, non ho potuto fare a meno di pensare che di alcune di loro non potrei mai fare a meno, specialmente perché sono indispensabili per chiunque decida di vivere a Londra.

 

1. Headspace

Prezzo: Basic Version Gratis oppure £6.99 al mese per la versione Premium
Topic: Meditazione.
Livello di Inglese: Intermedio

Solitamente riesco ad utilizzarla durante il commute o il sabato mattina appena sveglia.
Oltre ad insegnarti le basi della meditazione e alcuni tips su come migliorare la tua capacità di concentrazione, è veramente il top perché gli esercizi si dividono per livello (basic, pro, master, etc) e tempo a disposizione.

Ciliegina sulla torta: la voce dello speaker è super sexy.

 

2. Citymapper

Prezzo: Free
Topic: Mappe UK e non solo
Livello di inglese: Basic (potete anche impostarla in lingua italiana, ma non ve lo consiglierei se avete deciso di trasferirvi qui in UK).

 

City Mapper è un po come l’amica secchiona.

Conosce sempre tutto, riesce sempre a fornirti la soluzione percorribile più sensata e lo fa con pochissimo dispendio di energia (e denaro).
Chiara e intuitiva.

Vi porta da A e B con i mezzi pubblici, vi indica la strada da percorrere e come lo fa con voi, lo fa anche con le altre migliaia di persone che vi si spiaccicheranno addosso nel vagone della tube.

 

3. Uber

Prezzo: Free
Topic: Mappe UK e non solo
Livello di inglese: Intermedio

Uber è invece la mia BFF cool, sempre con me, mi riporta a casa non solo quando ho bevuto troppo e già comincio a preoccuparmi del gran mal di testa del giorno dopo, ma anche quando sono ad una di quelle serate super noiose dove sono costretta ad andare perché l’organizzatore/trice mi ha avvisato sei mesi in anticipo e non posso bidonare all’ultimo.

Mi permette anche di giudicarla, qualora il servizio non fosse di mio gradimento ma io sono sempre stata super gentile con lei: 4 stelle a tutti i driver che mi dicono “Hello Ma'am”, 5 per coloro che riescono a stare in silenzio per tutto il viaggio.

 

4. Treatwell

Prezzo: Free
Topic: Spa and Beauty
Livello di inglese: Intermedio

Partiamo dalle basi e cioè che se io potessi farei trasferire la mia amica Daisy e il suo centro benessere Eden nella mia living room in maniera tale da avere 24/7 tutto ciò che mi serve in termini di cerette, massaggi e trattamenti facciali.

Ma dati i limiti di spazio della mia living room (e di Daisy che non ne vuole sapere di vivere nel mio soggiorno) mi sono dovuta affidare a Treatwell.
Il gioco qui è semplice: scegliete il trattamento e grazie alla geo-localizzazione vi verranno forniti tutti i servizi da voi richiesti nelle vicinanze.

Ottima per testare nuovi centri benessere, parrucchieri, spa ma attente al prezzo: purtroppo a Londra le cure estetiche si pagano un occhio della testa.

 

5. Grabble

Prezzo: Free
Topic: Fashion and Lifestyle
Livello di Inglese: Intermedio per gli articoli ma super easy se volete solo swipare

 

Grabble è il tinder del fashion e vi permetterà di essere sempre aggiornati sulle ultime tendenze in fatto di moda e lifestyle.

Io la apro praticamente tutti i giorni e ogni tanto compro qualche item, ma più che altro la uso letteralmente per prendere ispirazione. 

“ Ma allora è come Pinterest?”
No, sono due cose completamente diverse.

 

6. Yoga Studio

Prezzo: $1.99 al mese
Topic: Yoga for Beginners
Livello di inglese: Intermedio

Non so perché amo cosi tanto quest’app, a pensarci bene è una qualsiasi app di yoga con esercizi per principianti e non solo.
Forse perché abbina tutto insieme: la possibilità di avere un pò di pratica veloce al mattino, video tutorial, chiare e semplici istruzioni dell’insegnante, musica di sottofondo che ti fa rilassare e non sperare che un cortocircuito faccia saltare la corrente in tutto il quartiere.

Insomma una App con la A maiuscola (non a caso è stata premiata Best App 2017!)

 

7. Evernote

Prezzo: Free + Premium
Topic: Prendere Note e scrivere/condividere progetti
Livello di inglese: Basic

Evernote è l’app che tra tutte le app mi conosce meglio.
La utilizzo per ogni pensiero, battuta, schizzo di articolo, schizzo di email, bozza di conversazione immaginaria dopo un litigio.

Anche qui intuizione e chiarezza sono le basi ma la cosa che adoro di più e che posso iniziare a scrivere sul bus dal mio iPhone e finire l’articolo tranquillamente in ufficio sul mio laptop.

Synchronized è la mia parola preferita da qualche tempo.

 

8. Ocado

Prezzo: Free
Topic: Grocery Shopping
Livello di inglese: Basic

Eccoci qui a parlare di efficienza, di quanto Londra ti insegni ad avere tutto organizzato, schedato, programmato.

A me personalmente lo ha insegnato più l’app di Ocado che altri!
Qui compri online, scegli il tuo slot, ovvero quando vorresti che la spesa ti venisse consegnata, paghi ed è fatta.

Potrebbe interessarti: Cibo e delivery: quando la startup reinventa la spesa

Di seguito la tipica conversazione che ho quando dico che faccio la spesa online.
Sentitevi liberi di rispondervi da soli.
 

  1. "Ma come puoi comprare frutta e verdura senza toccare?" Posso, specialmente quando so che magari viene dall’Italia ed è organica.

  2. "Ma non ti manca andare a fare la spesa, poter toccare con mano e viverti tutta l’esperienza del supermercato?" Si certo, mi manca sopratutto quando devo caricare due casse d’acqua per le scale e aspettare in fila le ore perché il signore davanti a me ha scordato l’ammorbidente.

  3. "Ma quindi se ti sei dimenticata di comprare qualcosa sull'app o ti manca il sale ad esempio, cosa fai, devi aspettare il primo slot disponibile?" No, mio caro amico, chiaramente avere un app che ti fa la spesa non ti rende un essere menomato, puoi sempre scendere al supermercato e comprare ciò che ti manca in dispensa.

Easy Peasy.

 

9. Uber Eat

Prezzo: Free
Topic: Food Delivery
Livello di inglese: Basic

Ed eccoci all’ultima app essenziale per una vita qui nella capitale britannica.
Uber eat è chiaramente la sorella minore di Uber, quindi come lei è la mia piccola BFF che mi convince che un piatto di pad thai noodles può essere la scelta migliore stasera e che quell’insalata in frigo può tranquillamente farsi un altro giro fino a domani. 

Come oramai tutte le delivery app puoi seguire il tuo ordine che esce dal ristorante e si avvicina a te e osservarlo con le papille gustative che sono ormai diventate due mandarini.

Sincronizzazione e geo-localizzazione: che parole magnifiche!